Spettacoli

UN RACCOLTO TUTTO D'ORO

Descrizione spettacolo

Giorno della Memoria 2019

 

UN RACCOLTO TUTTO D’ORO”

 

Atto unico di Renzo Fracalossi

Allestimento a cura del Club Armonia

Regia dell’autore

 

Questa è una storia di furti, rapine e sottrazioni. Una storia fatta di complicità e silenzi. Una storia dimenticata, come molte di quelle che compongono l’affresco tragico della Shoah.

Nello scorrere dei decenni e dei secoli, gli ebrei dell’Europa intera – e non solo loro – hanno depositato il frutto dei risparmi di una vita, degli investimenti più oculati e dei guadagni più vari un po’ in tutte le banche del vecchio continente. Allo stesso modo hanno investito i loro averi in opere d’arte, gioielli e preziosità di ogni tipo, consapevole che quei beni rappresentano sicuramente il frutto del loro lavoro, ma sono anche uno strumento straordinario per consentire fughe precipitose, nel caso di sempre nuove persecuzioni, così com’è stato un po’ in tutta la vicenda dell’ebraismo europeo. E così, quando l’odio si concreta nelle vessazioni più varie e violente, una parte, nemmeno troppo consistente, di quei beni serve per corrompere, per fuggire, per salvare sé stessi e le proprie famiglie, anche se la grande sostanza economica messa a deposito nei “caveau” di molti istituti di credito rimane in deposito presso gli stessi, mentre i loro proprietari si avviano a diventare fumo nell’orrore dell’Olocausto.

Banche, istituti fondiari e di credito, organizzazioni finanziarie e d’affari, ma anche musei ed istituzioni culturali tedesche, dei Paesi occupati dai nazisti e dai fascisti e della Confederazione elvetica “provvisoriamente” incamerano quindi quei beni nel loro patrimonio, in attesa che i legittimi proprietari vengano ad esigerne la restituzione. Si tratta del valore di miliardi in denaro dell’epoca, costituito appunto da depositi in conto corrente, titoli, azioni ed obbligazioni, ma anche gioielli, opere d’arte e di altissimo artigianato, come nel caso della preziosa collezione di ceramiche antiche di proprietà della famiglia ebrea dei Kaumheimer.

Alla conclusione del conflitto e della persecuzione antisemita, i pochissimi sopravvissuti provano a chiedere la restituzione dei loro legittimi averi, trovando però, almeno il più delle volte, solo omertà diffuse; cortine di complice silenzio e di smemoratezza collettiva. Tutto questo, accompagnato da carenza di documentazione comprovante la proprietà e da lunghe e difficili cause legali, come nel caso di uno dei famosi quadri di Klimt. Ben pochi sono i casi di restituzione – e fra essi spicca quello trentino appunto delle ceramiche Kaumheimer – mentre la progressiva scomparsa degli ultimi testimoni e la crescente sfinita sfiducia di molti eredi aiutano a consegnare queste storie al dimenticatoio della memoria. Questo testo prova solo a raccontare qualche caso, consapevole che il ricordo è soprattutto un grande dovere morale.

 

Prossime repliche

  • 19 Gennaio, 2019:
    Lavarone Chiesa - Teatro parrocchiale - ore 21.00 - ingresso libero e gratuito
  • 22 Gennaio, 2019:
    Spiazzo Rendena - Teatro parrocchiale - ore 20.30 - ingresso libero e gratuito
  • 24 Gennaio, 2019:
    San Michele all'Adige - Sala polifunzionale Municipio - ore 20.30 - ingresso libero e gratuito
  • 25 Gennaio, 2019:
    Lavis - Auditorium - ore 18.00 - ingresso libero e gratuito
  • 26 Gennaio, 2019:
    Sella Giudicarie - Sala polifunzionale Municipio di Bondo - ore 20.30 - ingresso libero e gratuito
  • 27 Gennaio, 2019:
    Trento - Teatro Sanbapolis - via della Malpensada - ad ore 20.30 - ingresso libero e gratuito
  • 29 Gennaio, 2019:
    Cles - Biblioteca - ore 20.30 - ingresso libero e gratuito
  • 30 Gennaio, 2019:
    Roncegno - Sala riunioni del Comune - ore 20.30 - ingresso libero e gratuito
  • 31 Gennaio, 2019:
    Padergnone - Teatro comunale - ore 20.30 - ingresso libero e gratuito
  • 1 Febbraio, 2019:
    Cembra - Biblioteca - ore 20.30 - ingresso libero e gratuito

Attori (in ordine di apparizione)

Mariano Degasperi (Julius Kaumheimer)

Anita Calliari (Selma Kaumheimer)

Claudia Furlani (Esther Bloch)

Marcella Cova (Sara Bloch)

Anna Ippolito (Nicole Bloch)

Sara Ghirardi (Rachele Anticoli)

Marco Revolti (Angelo Anticoli)

Renzo Fracalossi (Jakob Goldstein)

Barbara Gazzoli (Lea Goldstein)

Tecnici e musiche

Musiche di scena dal vivo:

Federico Scarfì

Assistenza tecnica:

Gianni Dorigatti

Regia

Renzo Fracalossi