Spettacoli

Historia Martirum

Descrizione spettacolo

Senza memoria non c'è racconto e senza racconto non ci sono le radici di un popolo. È questo il senso più profondo in questa "Lauda", uscita dalla penna poetica di Fabrizio Da Trieste ed allestita dal Club Armonia, dal gruppo vocale "L. Feininger" e dal Coro della S.O.S.A.T. per tramandare la vicenda dei Martiri Anaunensi e del suo tragico epilogo. Si tratta di una narrazione corale sulla quale poggia una parte non irrilevante della storia di un Trentino ancora sospeso fra romanità e paganesimo da un lato e dissoluzione imperiale ed avvento del Cristianesimo dall'altro.

La forma scelta è quella della lauda altomedioevale dove la parola ha preponderanza sull'azione scenica e dove i contrasti sono affidati alla scorrevolezza della recitazione. E' indubbiamente un brano di teatro popolare, nel solco della storia stessa dei suoi interpreti, "voci" ormai riconosciute di una cultura trentina che scava in se stessa per non perdersi dentro le accelerazioni tecnologiche del futuro.
Ambrogio e Vigilio, pastori di un "gregge" nutrito dalla nuova Fede, stanno sullo sfondo di quest'affresco policromo, dove dialetti e lingue si fondono con la migliore tradizione della musica sacra, in una suggestione che si accorda perfettamente all'armonia della Cena Benedettina "in Dextera Athesis".

Prossime repliche

Non vi sono repliche programmate per il momento.

Debutto

Lo spettacolo ha avuto luogo il 14 giugno 2008 sul "Doss Trento" in occasione della Cena Benedettina.

Regia

Lauda di Fabrizio Da Trieste - Regia di Renzo Fracalossi