Blog

Viviamo un tempo sempre più globale. I confini cadono, le culture si incontrano e, talora purtroppo, si scontrano. Ma il conflitto nasce, quasi sempre, dalla mancata conoscenza dell’Altro; dall’aver immaginato supposte diversità; da un errato senso di superiorità o di predominio e così le parole smettono la loro funzione prima, che è appunto quella di comunicare l’incontro e prende il sopravvento il pregiudizio, che è il luogo dove le parole non servono più.
E’ con questa consapevolezza che il CLUB ARMONIA ha deciso di dare avvio nel mese di maggio ad un progetto culturale sperimentale, dove le migliori tracce identitarie musicali, poetiche, letterarie e storiche di diversi punti del mondo si incontrano e si disvelano, attraverso un concerto/recital aperto, come una finestra, sul mondo e sui mondi che interagiscono con noi, anche attraverso le nuove frequentazioni, nate sull’onda dei nuovi bisogni.
Si tratta di una sorta di breve “viaggio” culturale attorno ad orizzonti lontani, ma anche vicini a noi perché portati qui dai molti cittadini di altre geografie che soggiornano, lavorano e si incontrano fra queste montagne.
Due serate, come primo assaggio e se poi la proposta dovesse incontrare il favore che ci aspettiamo, allora il progetto proseguirà quest’autunno con altri appuntamenti. E quindi ….. che il viaggio cominci!
 
L’America latina:
“BUENOS AIRES MI QUERIDO”. Concerto/recital con la chitarra professionistica di Carlo Fierens, un giovane astro della chitarra classica, “figlio d’arte” e di origini argentine e  belghe ma nato in Italia tanto per dire del valore delle contaminazioni, che offrirà un programma attorno al tango ed alle sue interpretazioni e reinterpretazioni, appunto con la chitarra classica. Virtuosismi che si intrecciano con i versi e la prosa della letteratura sudamericana: da Sepulveda a Billac; da Falù a Marquez e Borges, per dire non solo dell’Argentina, ma anche del resto del continente. Parole quindi affidate a Fabrizio Da Trieste ed a Francesca Cereghini.
 
Mercoledi 13 maggio ore 20.30 - sede della S.O.S.A.T. via Malpaga – Trento – Ingresso libero
 
CARLO FIERENS: nasce nel 1986 a Finale Ligure. Il padre Guillermo Fierens è un chitarrista classico di fama internazionale. Carlo si diploma presso il Conservatorio “A. Vivaldi” di Alessandria, con il massimo dei voti e la lode. Nel 2013 vince il prestigioso “Premio delle Arti” che suggella una vasta gamma di premi già conseguiti in diversi Concorsi nazionali ed internazionali. Membro onorario della “National Academy of Music” americana e per le sue doti musicali straordinarie ha ottenuto anche la cittadinanza onoraria della città argentina di Lomas de Zamora. Laureato in musicologia a Pavia, anche qui con il massimo dei voti e la lode, ha poi vinto la borsa di studio della “Paul Sacher Stiftung” di Basilea ed ha conseguito anche l’ “Artist Diplom – Lamont School of Music” negli Stati Uniti.
 
 
La Russia:
“IL VENTO NELLA STEPPA”. Concerto letterario affidata alla potente voce del baritono russo Vadim Tarakanov ed al pianoforte di Federico Scarfì. Vadim è, ormai, quasi trentino. Da molti anni risiede qui per motivi di studio e di lavoro e le sue esperienze artistiche sono maturate in molti incontri di dialogo culturale e di reciproca conoscenza, che non significa abdicazione della propria cultura, ma anzi valorizzazione della stessa attraverso l’approccio alle altre.
Vadim e Federico propongono un repertorio di canti tradizionali e colti, nati dall’arte compositiva e trascrittiva dei grandi maestri russi: da Glinka a Rachmaninoff e Chaicovskji per regalare uno sguardo sulla complessità dell’anima e della storia russa. Renzo Fracalossi camminerà fra le note con una serie di contributi letterari che raccontano le vicende russe dalla fondazione della Russia moderna alla fine dell’Ottocento.
 
Mercoledi 27 maggio ore 20.30 - sede della S.O.S.A.T.  via Malpaga – Trento - Ingresso libero
 
VADIM TARAKANOV:
Nasce nel 1983 a Rostov sul Don in Russia. Si laurea in musicologia di secondo livello nel 2005 presso il Conservatorio “Rachmaninov” a Rostov con il massimo dei voti. Consegue poi la laurea in canto lirico presso il Conservatorio “F. Bonporti” di Trento con il massimo dei voti e la lode ed infine ottiene la laurea i secondo livello in canto lirico presso la Scuola Civica di Musica di Milano. Ha interpretato molti ruoli lirici ed ha partecipato a masterclass tenuti da docenti di fama internazionale. Insegna presso una Scuola musicale trentina e prosegue i suoi studi a Milano.
 
FEDERICO SCARFI’:
Diplomato in pianoforte e sassofono, ha poi conseguito il diploma in composizione, in strumentazione per banda, in musica corale e direzione di coro. Specializzatosi in musica da camera, ha poi conseguito il diploma di didattica presso il Conservatorio “C. Monteverdi” di Bolzano ed il diploma di formatore “Orff Schulwerk” presso la Scuola “Donna Olimpia” di Roma. Pianista accompagnatore, maestro di palcoscenico, strumentista, compositore e direttore d’orchestra, ha diretto la Banda sociale di Mori – Brentonico, la Banda Rappresentativa giovanile della Fed. dei Corpi bandistici del Trentino. Dal 2012 dirige l’Orchestra “Accordarsi è possibile”e nel 2014 ha vinto il II premio assoluto nel concorso internazionale “Alpi Marittime”. Collabora con l’associazine A.N.I.M.azioni, insegna nelle Scuole medie inferiori e lavora come pianista accompagnatore presso il Liceo musicale e coreutico “F: Bonporti” di Trento.